San Giorgio in Salici, Sona, Verona
+39 348 7041071
karunacinelli@gmail.com

Niente ė scontato nella fioritura.

Giudice interiore, Reiki, Consapevolezza, Transpersonale

Niente ė scontato nella fioritura.

Ospito delle piante in casa nel  periodo invernale, piante che di solito vivono  all’esterno e che in questo periodo invernale accolgo in casa per ripararle dal gelo.

Piante con le quali parlo,  per avere da loro una risposta di come vogliono essere accudite e anche per ringraziarle della loro presenza fresca, spontanea che é bellezza. La comunicazione avviene su piani diversi dal contatto fisico, delle foglie, della terra, allo sguardo che stabilisce il loro benessere e gradimento della luce, dell’acqua, della cura.

L’ibiscus é fiorito. Cinque petali rosa,  un centro amaranto e un pistillo che di per sé é un’opera d’arte. La begonia da mesi offre fiori gialli con una perseveranza davvero toccante. La stella di Natale, da tre anni vive qui,  ha verdi  foglie vellutate e altre di un pigmento rosso vivo. L’ anthurium, apparentemente fermo, nella  sua consistente, plastica morbidezza, esige con forza le mie attenzioni, mi ha  segnalato disagio con foglie macchiate,  ora ha trovato il suo posto e se ne sta lì, eretto nei  fiori rosati, senza ombre, pare sorridere. L’orchidea germoglia piano,  promesse di possibili fiori di bianca memoria. Non so che ne sarà. É così imperscrutabile la fioritura! Non é scontata, accade, dipende dalle circostanze, dall’ambiente, dalla cura, dai vissuti, dalla superabilitá o meno, dei possibili traumi…

Un’amica mi ha regalo tre bulbi di Giacinto che sembravano in procinto di  fiorire e che a metà processo si sono arrestati, una evidente implosione, le foglie ingiallite ai bordi, i fiori appassiti. In questo apparente morire, emanano un profumo meraviglioso che si diffonde e mi accoglie, ogni volta che lo colgo, con una innegabile, gradita sorpresa che ha il sapore della primavera.

Per noi esseri umani é lo stesso, la fioritura accade o é rimandata a un altro momento, ad un’altra stagione.

Che cos’è il fiorire nell’umano? Maturità?  Individuazione? Consapevolezza? Da cosa dipende? Ambiente, circostanze, intento, fortuna, cura, svelamento? Di certo è un mistero e se c’è qualcosa che posso fare per me, per la mia fioritura come essere umano, fioritura che anelo sopra ogni cosa, per me e per tutti gli esseri, indistintamente, pur non sapendo cosa sia la fioritura, é aprirmi allo sconosciuto, inebriarmi ora, del profumo che il mistero emana, con mente quieta, nella consapevolezza che non ho nulla da raggiungere.