San Giorgio in Salici, Sona, Verona
+39 348 7041071
karunacinelli@gmail.com

Volontà e Compartecipazione.

Giudice interiore, Reiki, Consapevolezza, Transpersonale

Volontà e Compartecipazione.

Lo vedo camminare per strada in punti diversi di un percorso quotidiano. Penso lo faccia per motivi di salute visti i passi paralleli, traballanti eppur decisi.

Quello che mi colpisce in questo uomo anziano è la determinazione.

In estate è a torso nudo con una maglietta buttata su di una spalla. Ora che è  inverno, cammina sotto la pioggia, nel vento con l’ombrello di traverso, nella nebbia fitta avanza sicuro della sua meta. 

Mi tocca la perseveranza che supera i possibili confini della pigrizia, del rimando. Lo vedo impavido perseguire un intento, allineato alla volontà.

Questo uomo è uno specchio e la frequenza con la quale lo incontro, non mi da scappatoie da domande che spontaneamente sorgono dentro: “Dove sono rispetto alla mia volontà? Qual’è la mia motivazione? Come mi distolgo dalla direzione che mi sono data?”

Sono domande che mi portano davanti a confini, a  rivedere schemi, mettono allo scoperto la dispersione che a volte mi è compagna, mi riportano alla  vulnerabilità. Mi fanno riflettere sulle risorse che non metto in campo, potenzialità che non faccio fiorire. 

Diventano come cartelli sulla strada che mi rimandano all’ impermanenza, alla vita ora, che mi mostrano quanto sono o non sono presente. Mi dicono: “Sveglia! Sveglia!”. Mi fanno ricordare di me.

Quando noto che le cose vanno avanti da sole è rilassante.

Mi connetto a un piano di coscienza che crea una realtà in apparenza indipendente da me. Me ne accorgo per il senso di fluidità che me ne viene, semplicità, leggerezza. Nell’ incessante movimento di creazione e espansione della coscienza c’è compartecipazione, interdipendenza, non esiste separazione.

Tenere conto di questo da importanza all’intento con cui compio ogni gesto. Le azioni hanno un impatto nella vita di ciascuno e in quella degli altri perché interagiscono in un Campo comune. Così le parole.

Quell’uomo che cammina imperterrito la mattina a zero gradi, lo sta facendo per se stesso e contemporaneamente per chi lo vede e nota la Forza che trasmette. Questa Forza è nel Campo, è fruibile. Lui me lo ricorda. Grazie.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *